FAMIGLIA E MINORI

Consulenza legale su Diritto di Famiglia e dei Minori

Diritto di Famiglia

Lo Studio si occupa di tutti gli aspetti giuridici della famiglia, della convivenza di fatto e delle unioni civili, con particolare riferimento alle procedure – consensuali o giudiziali – di risoluzione della crisi coniugale (separazione e divorzio), ed alla responsabilità dei genitori per l’inadempimento dei doveri genitoriali nei confronti dei figli. Nelle procedure più conflittuali, quando le separazioni e i divorzi sollevano altresì profili – talvolta gravi – di rilevanza penale, lo Studio assiste i Clienti coinvolti in qualità di persone offese, imputati o indagati, anche con il supporto di qualificati professionisti: psichiatri, medici legali, psicologi e criminologi.

L’attività professionale svolta in materia familiare, ad ogni modo, tenta di superare il tradizionale ruolo di assistenza per assumere una funzione di mediazione, di salvaguardia degli aspetti emotivi sottesi alle fattispecie, di tutela dei fondamentali interessi della prole. Tentiamo sempre, nella pratica del diritto di famiglia, di “responsabilizzare” il Cliente protagonista della crisi familiare, dissuadendolo da intenti gratuitamente finalizzati a danneggiare la controparte e scoraggiando le richieste che riteniamo pregiudizievoli nei confronti dei figli. Miriamo a salvaguardare, in ogni contesto, il principio di bigenitorialità, al fine di consentire ai minori di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambe le figure genitoriali.

I nostri Professionisti hanno maturato significativa competenza altresì nella redazione di patti di famiglia finalizzati alla trasmissione dell’impresa o delle partecipazioni sociali ai discendenti, prevenendo possibili liti in sede ereditaria, evitando la disgregazione dell’azienda ed assicurandone la continuità gestionale.

Tutela dei Minori

Accanto alle tradizionali attività di assistenza e difesa in materia di diritto di famiglia, lo Studio Legale Chiarini si occupa della promozione degli interessi superiori dei minori di età, consentendo loro di esercitare i propri diritti nelle procedure che li riguardano, di ricevere informazioni pertinenti, di eprimere liberamente la propria opinione e di far sì che questa venga presa in debita considerazione, in conformità alla Convenzione europea sull’esercizio dei diritti dei fanciulli (stipulata a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata in Italia con la legge 20 marzo 2003, n. 77).

In tale ottica, lo Studio assicura l’assistenza e la rappresentanza del minore, sia nell’ipotesi in cui debba soltanto essere ascoltato dal Giudice, sia nell’ipotesi in cui debba agire, resistere od intervenire in giudizio, divenendo così parte processuale.


Ultimi Casi e Approfondimenti

In materia di Famiglia e Minori

  • Il contratto di convivenza: presupposti e contenuto
    Approfondiamo in questo articolo quali sono gli elementi essenziali e il possibile contenuto del contratto di convivenza, istituito dalla legge 20 maggio 2016, n. 76 (c.d. Legge Cirinnà).
  • La convivenza di fatto
    Una breve guida sulla disciplina dettata per l’istituto, ormai solo relativamente giovane, della convivenza di fatto, alla luce della legge 20 maggio 2016, n. 76 (c.d. Legge Cirinnà).
  • Le unioni civili
    Approfondiamo in questo contributo la disciplina dettata per il nuovo istituto dell’unione civile tra persone dello stesso sesso, alla luce della legge 20 maggio 2016, n. 76 (c.d. Legge Cirinnà).
  • Udienza Civile Telematica: auspici per una Giustizia più efficiente
    Tra gli effetti collaterali, inaspettatamente positivi, della tempesta COVID-19, ci sentiamo di annoverare la possibilità – offerta dal legislatore – di celebrare le udienze civili in videoconferenza da remoto. Dedichiamo allora qualche breve riflessione a questo strumento, mettendo a disposizione di tutti gli interessati anche il verbale di una udienza civile telematica alla quale abbiamo recentemente avuto modo di partecipare.
  • Atto di nascita, Cassazione: no al riconoscimento del figlio di due donne unite civilmente
    Gli attuali progressi scientifici e tecnologici consentono, attraverso l’intervento medico, anche una procreazione non riconducibile all’atto sessuale, per consentire a chi aspira ad avere un figlio di diventare genitore. Ma quando e come questo desiderio possa essere realizzato, tramite l’uso delle tecnologie mediche avanzate, per la Suprema Corte, è “il legislatore a stabilirlo, in quanto interprete e conoscitore degli orientamenti diffusi all’interno del tessuto sociale”.
  • Separarsi in otto giorni con la Negoziazione Assistita: esame di un caso concreto
    Separasi con la Negoziazione Assistita ai tempi del Coronavirus: una opzione da privilegiare quando i coniugi riescono a confrontarsi e pervenire ad un accordo con l’aiuto dei rispettivi legali.