Udienza Civile Telematica: auspici per una Giustizia più efficiente

L'udienza da remoto in materia di famiglia

Udienza Civile Telematica: auspici per una Giustizia più efficiente

Tra gli effetti collaterali, inaspettatamente positivi, della tempesta COVID-19, ci sentiamo di annoverare la possibilità – offerta dal legislatore – di proseguire le attività del settore giustizia in modalità “agile”. Oltre agli incentivi allo smart working, infatti, è stato previsto lo svolgimento delle udienze con comparizione “figurata” oppure in videoconferenza da remoto.

A quest’ultimo strumento, in particolare, desideriamo dedicare qualche breve riflessione in questo articolo, poiché proprio in questi giorni abbiamo avuto la possibilità di partecipare ad una vera e propria udienza civile telematica.

A beneficio di tutti gli interessati, mettiamo a disposizione il relativo verbale ed altre utili risorse provenienti da alcuni dei fascicoli trattati in questo periodo emergenziale nella nostra esperienza professionale.


§ 1. L’udienza civile telematica

Come abbiamo già messo in luce altrove, l’art. 83 del decreto “Cura Italia” (d.l. 18/2020) ha previsto la duplice possibilità di tenere l’udienza civile, alternativamente:

  1. in videoconferenza, mediante collegamento da remoto (art. 83, comma 7, lett. f), oppure
  2. con trattazione “figurata”, vale a dire tramite deposito telematico di note scritte e successiva adozione fuori udienza del provvedimento del Giudice (art. 83, comma 7, lett. h).

In particolare, l’udienza civile telematica da remoto di cui al punto 1 può essere tenuta attraverso l’applicazione “Microsoft® Teams” (benché il provvedimento 20/03/2020 della D.G.S.I.A. continui a menzionare anche “Skype for Business”, che invece – com’è, o dovrebbe essere, noto – non esiste più).
Bene, proprio negli attuali e concitati giorni della “ripartenza”, abbiamo avuto occasione di sperimentare questa modalità di celebrazione dell’udienza civile (trattavasi della comparizione dei coniugi davanti al Presidente in un procedimento di divorzio su ricorso congiunto). E lo abbiamo fatto con assoluta soddisfazione e ragionevole fiducia sulle potenzialità del mezzo, che auspichiamo possa trovare adeguata valorizzazione anche quando l’affaire Coronavirus potrà dirsi (definitivamente?) archiviato.

§ 2. Udienza civile vs udienza penale

E’ chiaro che non tutte le udienze del processo civile possono essere tenute in modalità telematica. Un conto è l’udienza in cui le parti non debbono – o non possono – fare altro che riportarsi agli scritti difensivi ed insistere per il relativo accoglimento, come è stato nel nostro caso, ove – come si sa – il tentativo di riconciliare i coniugi ha carattere meramente formale (verrebbe da dire: fantascientifico). Altro conto sono, invece, le udienze nelle quali la presenza fisica e il contatto diretto tra il Giudice, le parti, i Difensori ed eventuali soggetti terzi – pensiamo soprattutto ai testimoni – è davvero centrale (a patto che questo contatto diretto ci sia, e che avvenga con lo stesso Giudice che poi deciderà la causa).

Inoltre, sul versante penale la questione è senz’altro più complessa: come hanno evidenziato voci autorevoli, la peculiarità dei valori in gioco e la delicatezza di alcuni passaggi processuali impongono di conservare centralità alla dialettica e all’oralità, anche in questa fase di emergenza. Non è un caso, del resto, se la recente legge di conversione del d.l. “Cura Italia” 18/2020 ha esplicitamente escluso dalla modalità di trattazione virtuale le udienze penali di discussione finale e quelle in cui debbano essere esaminati testimoni, parti, consulenti o periti.

§ 3. Spunti di riflessione per la fase di cessata emergenza

Nondimeno, occorre essere realisti: l’odierno processo civile contempla una serie di udienze pleonastiche e ridondanti. Buona parte delle occasioni in cui i Difensori – con o senza le parti – sono chiamati a comparire di fronte al Giudice, invero, è costituita da appuntamenti vuoti e ripetitivi, nei quali ci si limita per lo più a richiamare gli atti difensivi, a chiedere la concessione dei termini di cui all’art. 183 c.p.c., ad insistere per l’ammissione dei mezzi di prova articolati nelle memorie istruttorie, a precisare le conclusioni come da “foglio separato da considerarsi parte del verbale d’udienza“, a discutere la causa riportandosi alle memorie conclusive già depositate, ed altre fattispecie equipollenti.

Insomma: non disponiamo di statistiche attendibili, ma riteniamo plausibile sostenere che almeno la metà delle udienze civili sia – nella diversificata congerie dei riti oggigiorno disponibili – inutile o quantomeno sovrabbondante, ad onta della formale enunciazione del principio, di chiovendiana memoria e tuttora consacrato nell’art. 180 c.p.c., che postula la “trattazione orale” del processo civile.

Pertanto, non possiamo astenerci dall’auspicio che si possa fare di necessità virtù, traendo lezione da questa esperienza ed incentivando il ricorso – anche dopo la fine del periodo di emergenza, il 31 luglio 2020 (forse) – alla trattazione scritta per tutte le udienze in cui la presenza personale non aggiungerebbe alcunché a quanto già risultante dagli atti, ed all’udienza da remoto per le ulteriori ipotesi in cui si renda necessario un confronto orale. Beninteso: con esclusione delle udienze di assunzione dei mezzi di prova (a condizione che sia fatto rispettare il principio, di cui all’art. 174 c.p.c., di immutabilità del Giudice Istruttore) e fatta sempre salva la possibilità, per lo stesso Giudice, di valutare specifiche ragioni di opportunità che suggeriscano di incontrare de visu le parti e i rispettivi Avvocati.

Sono piuttosto evidenti le ricadute favorevoli che ne discendebbero: prima fra tutte, una maggiore efficienza per l’attività di Magistrati e personale amministrativo, consentendo peraltro alle parti e ai rispettivi Avvocati di fare un uso parimenti proficuo del proprio tempo, evitando trasferte a volte lunghe ed onerose, mattine perse in Tribunale, con anticamere nei suoi corridoi talora indegne della professione forense.
Non sarebbe forse, questa, una occasione buona, fors’anche irripetibile, per un salto di qualità della nostra Giustizia?

Studio Legale Chiarini
Studio Legale Chiarini
info@chiarini.com

Soluzioni efficaci e tempestive. Risultati concreti e misurabili. Molto più che semplici servizi legali. Scopri cosa possiamo fare per te



Hai bisogno di aiuto?

Richiedi una consulenza legale ai professionisti dello Studio Chiarini.
La soddisfazione del Cliente rappresenta l'obiettivo principale di ogni nostra attività.

Rassegna Stampa

SMS, WhatsApp, E-Mail e Onere della Prova nel Processo Civile

Diritto24 del Sole24Ore ospita un articolo dell'Avv. Claudia Chiarini sul rilievo probatorio di sms ed e-mail

Avv. Chiarini per il Giornale: la legge Gelli-Bianco

La sezione "Salute" della testata
"Il Giornale.it" intervista l’Avv. Chiarini:
la riforma della responsabilità sanitaria

Avv. Chiarini per e-Health - G.D.P.R.

La rivista “e-Health News” ha intervistato
l’Avvocato Gabriele Chiarini su G.D.P.R.,
privacy e protezione dei dati sanitari

Avv. Chiarini per Diritto24 Sole24Ore

L'Avv. Chiarini commenta le ultime sentenze della Corte di Cassazione in materia di responsabilità sanitaria

Avv. Gabriele Chiarini - Scegliere il luogo di cura

Come scegliere dove curarsi:
sul settimanale IN Famiglia l'Avv. Chiarini illustra i criteri da tenere presenti

Italia Oggi Sette - Avv. Chiarini

Il danno è un elemento essenziale
della "medical malpractice": l'Avv. Chiarini lo ricorda su Italia Oggi

Repubblica Avv. Chiarini

Insufficienza del personale
infermieristico: l'Avv. Gabriele Chiarini
ne parla su Repubblica

Italpress TG Salute Avv. Chiarini

Carenza di organico ed eventi avversi
in Sanità: intervista all'Avv. Chiarini, esperto di malpractice medica

Avv. Gabriele Chiarini su Panorama

Qualità dei servizi sanitari, errori medici e prevenzione dei rischi in sanità:
ne parliamo con l'Avv. Chiarini

Avv. Gabriele Chiarini su Panorama

L'Avv. Gabriele Chiarini commenta i dati OCSE: in Italia meno della metà degli infermieri rispetto agli altri Paesi

Quotidiano di Sicilia "emergenza medici" - Avv. Gabriele Chiarini

Insufficienza del personale e qualità
dei servizi sanitari: approfondiamo
l'argomento con l'Avv. Gabriele Chiarini

Radio InBlu Emergenza Medici Avv. Gabriele Chiarini

Pomeriggio InBlu intervista
l'Avv. Gabriele Chiarini sul tema
"Emergenza Medici" in Sanità

Residenze Sanitarie Privacy Avv. Spadoni Chiarini

Gli Avv.ti L. Spadoni e G. Chiarini
intervistati come esperti sulle regole
della "nuova" privacy in sanità

Carlino Capolavori Rubati Avv. Giovanni Chiarini

"Furto del Secolo" a Palazzo Ducale:
l'Avv. Giovanni Chiarini tra i protagonisti
del recupero delle opere trafugate

Quotidiano Sicilia Mortalità Servizi Sanitari Avv. Chiarini

L'Avv. Gabriele Chiarini commenta i dati di "amenable mortality" (mortalità riconducibile ai servizi sanitari)

io donna corriere della sera gabriele chiarini privacy sanità

Su Io Donna del Corriere della Sera,
l'Avv. Gabriele Chiarini spiega le nuove
regole della Privacy in Sanità

complicanza malasanità

Avv. Gabriele Chiarini su
Italia Oggi: Quel labile confine
tra complicanza e "malasanità"

privacy parafarmacia

"Questione di Privacy" in Parafarmacia:
parliamone con l'Avv. Lucia Spadoni
e con l'Avv. Gabriele Chiarini

errori sanitari Avv. Chiarini

"Residenze Sanitarie" intervista
l'Avv. Chiarini sugli errori sanitari e sul valore delle statistiche nazionali

Avv. Gabriele Chiarini su Pianeta Salute

L'Avv. Chiarini interviene sullo stato di attuazione del “Garante per il Diritto alla Salute” previsto dalla legge "Gelli"

Avv. Gabriele Chiarini Avv. Andrea Sisti Carlino

Risarcimento di oltre 1.200.000,00 euro
ottenuto dagli Avv.ti Chiarini e Sisti
per un tragico incidente sul lavoro

Sole24Ore Avv. Chiarini

Intervento dell’Avv. Gabriele Chiarini su “Diritto 24” del Sole24Ore in tema di tutela risarcitoria del paziente

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

“Genetica Oggi” su Radio Cusano intervista l’Avv. Gabriele Chiarini su malasanità e diritti del paziente

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

La Rivista "Così" si occupa del nostro report sul costo degli eventi avversi nel Sistema Sanitario Nazionale

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

Interview to Attorney Gabriele Chiarini,
an expert in the field of health liability
and medical-malpractice lawsuits

Image is not available

Omicidio di Sant’Angelo in Vado:
l’Avv. Giovanni Chiarini è il difensore della nuova indagata

Image is not available

Intervista di “Pianeta Salute” all’Avv. Gabriele Chiarini su responsabilità medica e infezioni ospedaliere

Image is not available

Il quotidiano "La Verità" richiama gli approfondimenti dello Studio in tema
di "emergenza malasanità"

Image is not available

Intervista di “Uomo & Manager” all’Avv. Chiarini sugli errori sanitari in Italia e sui costi della malpractice medica

OIPA Magazine - Diritti del malato

Osservatorio Imprese e Pubblica Amministrazione intervista l’Avv. Chiarini sui diritti del malato in Italia

Image is not available

La sezione "Diritto24" del Sole24Ore ospita un contributo dell’Avv. Chiarini sulla legge Gelli-Bianco

Image is not available

Incendio del ristorante "Pesce Azzurro". Unico assolto: l'imputato difeso
dall'Avv. Giovanni Chiarini

Image is not available

L’Avv. Gabriele Chiarini ospite su "Genetica Oggi " di Radio Cusano: il Garante per il Diritto alla Salute

previous arrow
next arrow
Slider