Risarcimento per infezione ospedaliera da Acinetobacter Lwoffii, Micrococcus Species ed Epatite-C

Infezione Ospedaliera da Acinetobacter Lwoffii e Micrococcus Species
infezione da acinetobacter

Risarcimento per infezione ospedaliera da Acinetobacter Lwoffii, Micrococcus Species ed Epatite-C

È stato raggiunto un accordo stragiudiziale (per un valore di oltre Euro 400.000,00) tra la compagnia assicurativa di una nota casa di cura privata ed i congiunti di una signora deceduta a causa di una infezione ospedaliera, assistiti dallo Studio Legale Chiarini (con sedi in Urbino, Pesaro e Chieti).

Il risarcimento concordato riguarda soltanto una quota pari al 50% del danno complessivamente subito, dal momento che proseguirà il giudizio civile per l’accertamento dell’ulteriore quota di responsabilità addebitabile ad altra struttura sanitaria (pubblica) coinvolta nella vicenda.

 

Il caso di malasanità e l’infezione da Acinetobacter, Micrococcus ed Epatite

La signora Laura (il nome è di fantasia, per ovvie ragioni di privacy), nonostante l’età di circa ottant’anni ed una lieve patologia cardiaca, era una persona pienamente valida ed attiva, in grado non soltanto di provvedere a sé stessa ed alla casa in totale autonomia, ma anche di accudire il più anziano marito ed i nipoti.

All’esito della vicenda di malasanità che ci accingiamo a descrivere, ella è deceduta in seguito alle infezioni contratte con Acinetobacter lwoffii, Micrococcus Species ed Epatite C.

 

La vicenda clinica e l’intervento cardiochirurgico di sostituzione della valvola aortica

Nel 2008 la signora Laura si ricoverò in una clinica privata per sottoporsi ad intervento chirurgico di sostituzione della valvola aortica. In tale occasione le furono praticate anche alcune trasfusioni di sangue. Poche settimane dopo l’intervento, tuttavia, la paziente iniziò ad accusare uno stato di iperpiressia (con temperatura sopra i 39° C), che si rivelò resistente anche alla terapia antibiotica prescritta.

Il persistente stato febbrile indusse quindi ad un pronto ricovero della signora Laura, questa volta presso una struttura pubblica, ove le furono effettuati vari esami ematochimici ed accertamenti clinici di routine, senza però sospendere adeguatamente la terapia antibiotica. I risultati furono quindi negativi e la signora venne dimessa senza particolari prescrizioni.

Fu soltanto un paio di mesi dopo che, in ragione della riacutizzarsi della sintomatologia febbrile, si rese necessario un nuovo ricovero, in un diverso ospedale del capoluogo campano. Qui fu disposta immediatamente una consulenza cardiologica ed infettivologica e, previa sospensione della terapia antibiotica, si accertò la sussistenza di una endocardite infettiva. L’emocoltura eseguita mise infatti in rilievo una setticemia da “acinetobacter lwoffii”, agente infettivo multiresistente tipicamente correlato alle infezioni nosocomiali.

Successivamente, si scoprì che la signora Laura era stata infettata anche da un altro batterio, il “micrococcus species”, ed aveva altresì contratto il virus dell’epatite C (HCV). Le ormai compromesse condizioni cliniche della paziente, purtroppo, determinarono di lì a breve un crollo delle funzioni cardiocircolatorie e a nulla valse un disperato intervento chirurgico, posto in essere dai medici del nosocomio partenopeo, per la sostituzione della bioprotesi impiantata qualche mese prima. La signora Laura, infatti, morì poche ore dopo.

 

La definizione transattiva raggiunta per il risarcimento del danno non patrimoniale da infezioni correlate all’assistenza (I.C.A.)

La definizione transattiva conclusa rappresenta il riconoscimento della responsabilità in capo alla clinica privata” – afferma l’avv. Gabriele Chiarini di Pesaro, che assiste i parenti di Laura – “per il contagio dovuto ad una evidente falla nelle procedure di asepsi che, specialmente in sede cardiochirurgica, dovrebbero essere particolarmente rigorose”.

Continua, invece, il processo già incardinato contro l’altra struttura (quella pubblica), rea di non aver rispettato le linee guida dettate per il corretto espletamento degli esami emocolturali, ritardando di fatto la diagnosi delle infezioni e, conseguentemente, compromettendo le possibilità di ripresa della paziente.

 

CONTENUTI SCARICABILI

 

 

Definizioni sintetiche di “Acinetobacter Lwoffii”, “Micrococcus” ed “Epatite-C”

Acinetobacter lwoffii: si tratta di un bacillo non fermentativo gram-negativo che costituisce normale flora dell’orofaringe e della pelle in circa il 25% degli individui sani. A causa della sua natura ubiquitaria, è un potenziale agente patogeno opportunistico in pazienti con compromissione del sistema immunitario ed è considerato causa di infezioni nosocomiali (I.C.A.) quali setticemia, polmonite, meningite, infezioni del tratto urinario, infezioni della pelle e delle ferite.

Acinetobacter

Acinetobacter Lwoffii

 

Micrococcus: costituisce un genere di batteri della della famiglia Micrococcacee, generalmente privi di attività patogena, presenti – per lo più in tetrade o in coppia – in una vasta gamma di ambienti, tra cui acqua, polvere e suolo; i micrococchi hanno forma sferica, sono gram-positivi, catalasi positivi e solitamente aerobici con metabolismo strettamente respiratorio (perciò necessitano di ossigeno per lo svolgimento delle proprie funzioni e per restare in vita).

Micrococcus

Micrococcus Luteus

 

Epatite-C: è un’infiammazione del fegato causata da un virus denominato HCV (Hepatitis C Virus), che attacca questo organo causando danni strutturali e funzionali talvolta molto gravi, nonché importanti malattie come cirrosi e cancro, determinando la necessità – nei casi più gravi – di procedere a trapianto di fegato; si trasmette per via ematica, mediante contatto diretto con sangue infetto (con lo scambio di siringhe tra tossicodipendenti, in occasione di trasfusioni, oppure – più raramente – tramite contagio sessuale).

Epatite C

HCV Virus

 

Potrebbero interessarti anche questi casi di malasanità risolti con successo

 

Avv. Gabriele Chiarini
Gabriele Chiarini
gabriele@chiarini.com

Avvocato Cassazionista e Dottore di Ricerca in Diritto Civile, nell'esercizio della professione si occupa prevalentemente di diritto civile e commerciale, con speciale riferimento alla malpractice medico-sanitaria, alla responsabilità per fatto illecito, alla consulenza d'impresa e al diritto dei contratti. Ha maturato particolare esperienza, conseguendo importanti risultati tanto in sede giudiziale quanto in sede stragiudiziale, nel settore degli appalti privati e nel campo della responsabilità della struttura ospedaliera per colpa dei sanitari e per difetto di organizzazione. Curriculum



Hai bisogno di aiuto?

Richiedi una consulenza legale ai professionisti dello Studio Chiarini.
La soddisfazione del Cliente rappresenta l'obiettivo principale di ogni nostra attività.

Rassegna Stampa

io donna corriere della sera gabriele chiarini privacy sanità

Su Io Donna del Corriere della Sera,
l'Avv. Gabriele Chiarini spiega le nuove
regole della Privacy in Sanità

complicanza malasanità

Avv. Gabriele Chiarini su
Italia Oggi: Quel labile confine
tra complicanza e "malasanità"

Image is not available

"Residenze Sanitarie" intervista
l'Avv. Chiarini sugli errori sanitari e sul valore delle statistiche nazionali

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

L'Avv. Chiarini interviene sullo stato di attuazione del “Garante per il Diritto alla Salute” previsto dalla legge "Gelli"

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

Risarcimento di oltre 1.200.000,00 euro
ottenuto dagli Avv.ti Chiarini e Sisti
per un tragico incidente sul lavoro

Image is not available

Intervento dell’Avv. Gabriele Chiarini su “Diritto 24” del Sole24Ore in tema di tutela risarcitoria del paziente

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

Qualità dei servizi sanitari, errori medici e prevenzione dei rischi in sanità:
ne parliamo con l'Avv. Chiarini

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

“Genetica Oggi” su Radio Cusano intervista l’Avv. Gabriele Chiarini su malasanità e diritti del paziente

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

La Rivista "Così" si occupa del nostro report sul costo degli eventi avversi nel Sistema Sanitario Nazionale

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

Interview to Attorney Gabriele Chiarini,
an expert in the field of health liability
and medical-malpractice lawsuits

Image is not available

Omicidio di Sant’Angelo in Vado:
l’Avv. Giovanni Chiarini è il difensore della nuova indagata

Image is not available

Intervista di “Pianeta Salute” all’Avv. Gabriele Chiarini su responsabilità medica e infezioni ospedaliere

Image is not available

Il quotidiano "La Verità" richiama gli approfondimenti dello Studio in tema
di "emergenza malasanità"

Image is not available

Intervista di “Uomo & Manager” all’Avv. Chiarini sugli errori sanitari in Italia e sui costi della malpractice medica

Image is not available

La sezione "Diritto24" del Sole24Ore ospita un contributo dell’Avv. Chiarini sulla legge Gelli-Bianco

Image is not available

Incendio del ristorante "Pesce Azzurro". Unico assolto: l'imputato difeso
dall'Avv. Giovanni Chiarini

Image is not available

L’Avv. Gabriele Chiarini ospite su "Genetica Oggi " di Radio Cusano: il Garante per il Diritto alla Salute

Image is not available

Osservatorio Imprese e Pubblica Amministrazione intervista l’Avv. Chiarini sui diritti del malato in Italia

previous arrow
next arrow
Slider