PER IL SANITARIO

Difesa legale Medici e Infermieri accusati di malpractice

Medici ed Infermieri Ingiustamente Accusati di Malpractice

Avete diritto alla migliore difesa

E’ sempre più diffuso – anche a causa della proliferazione di organizzazioni di dubbia serietà animate da fini di lucro – il fenomeno della cd. frivolous litigation, vale a dire la censurabile prassi di instaurare azioni relative a pregiudizi futili, non supportate da un adeguato vaglio medico-legale o con finalità meramente speculative.

Il coinvolgimento dell’Operatore Sanitario in una controversia, già di per sé, rappresenta una sanzione inflitta prima del giudizio, per le inevitabili conseguenze pregiudizievoli che immediatamente si verificano sul piano economico ed assicurativo, oltre che su quello emotivo. Per questo, davanti ad un procedimento civile, disciplinare o penale, è necessario assicurarsi la miglior difesa disponibile.

I nostri Professionisti hanno maturato vasta esperienza nel settore della responsabilità medico-sanitaria, anche nell’àmbito dell’attività di docenza universitaria ed extrauniversitaria svolta, ed hanno ottenuto importanti successi nella difesa di Medici ed Infermieri ingiustamente accusati di malpractice.

COSA facciamo per assicurare a Medici ed Infermieri la migliore difesa

E’ statisticamente molto frequente che un Operatore Sanitario possa trovarsi coinvolto in una vicenda – giudiziale o stragiudiziale – relativa ad un addebito di negligenza, imperizia, imprudenza, inosservanza di leggi, regolamenti, ordini, discipline.

Che abbiate ricevuto una richiesta risarcitoria, una comunicazione di avvio del procedimento disciplinare o – peggio – una informazione di garanzia, avete comunque bisogno di aiuto, per difenderVi con tempestività ed efficacia.

Noi ci occupiamo di fornire a Medici ed Infermieri tutta l’assistenza necessaria, sia in sede civile (per gli aspetti economico-risarcitori ed assicurativi), sia in sede disciplinare (in relazione ad eventuali procedimenti instaurati dai rispettivi Ordini e Collegi di appartenenza), sia in sede penale (dalla fase delle indagini preliminari alla difesa nel dibattimento).

COME difendiamo Medici ed Infermieri ingiustamente accusati

Di fronte ad una richiesta risarcitoria, una comunicazione di avvio del procedimento disciplinare o un’avviso di garanzia, l’Operatore Sanitario ha innanzi tutto bisogno di essere ragguagliato sul significato giuridico di ciò che sta accadendo e di organizzare tempestivamente la propria difesa.

Per consentirci di valutare il Vostro caso, è necessario che ci trasmettiate una sintetica descrizione della vicenda, corredata delle considerazioni e della documentazione che riteniate utile, indicandoci altresì se disponete di Vostri Consulenti di parte ovvero preferite consultare i nostri fiduciari, fermo restando che – vertendosi in ipotesi di responsabilità professionale – è doveroso che il Medico Legale richieda l’associazione con un Collega di comprovata esperienza e competenza nella disciplina coinvolta.

Sarà nostra cura contattarVi nel più breve tempo possibile (di regola entro le successive 24 ore) per fornirVi le prime informazioni tecniche e valutare congiuntamente l’opportunità di fissare un incontro presso una delle nostre sedi.

QUANTO costa la nostra difesa di Medici ed Infermieri

Potete contattarci con estrema serenità: non assumete alcun impegno economico esponendoci un caso ed inviandoci tutta la documentazione necessaria alla valutazione della vicenda.

In linea generale, se la polizza assicurativa dell’Operatore Sanitario contempla la cd. “tutela giudiziaria“, il nostro compenso viene liquidato direttamente dalla compagnia di assicurazione. In sede civile, ai sensi dell’art. 91 c.p.c., con la sentenza che dichiari infondata l’azione intrapresa, il Giudice deve condannare la parte soccombente al rimborso delle spese a favore dell’altra parte, liquidandone l’ammontare insieme con gli onorari di difesa. In sede penale, la contrattazione collettiva di settore e i regolamenti aziendali generalmente prevedono che, in caso di assoluzione, gli oneri della difesa di Medici ed Infermieri restino a carico dell’Ente Sanitario.

Le tariffe applicate dallo Studio sono conformi ai parametri di liquidazione dei compensi in vigore pro tempore. Nella determinazione dei compensi si tiene conto della natura e del valore della controversia, dell’importanza e del numero delle questioni trattate, nonché del grado dell’Autorità Giurisdizionale adita. Il principale parametro di riferimento è, ad ogni modo, costituito dal risultato del giudizio e dai vantaggi conseguiti, atteso che la soddisfazione del Cliente è la miglior misura del valore dell’opera professionale.

CHI si occupa della tutela di Medici ed Infermieri

Professionisti che si occupano della difesa di Medici ed Infermieri ingiustamente accusati di malpractice hanno maturato significativa esperienza in materia di responsabilità medico-sanitaria, anche a motivo dell’attività di docenza universitaria ed extrauniversitaria svolta.

Essi tutelano sia i profili economico-risarcitori ed assicurativi, sia quelli disciplinari, sia – infine e soprattutto – quelli penali (nell’attesa, forse non breve, della depenalizzazione dell’atto medico, e pur consapevoli delle innovazioni introdotte in materia dalla legge “Gelli Bianco”).

La sezione Per il SANITARIO del Progetto PERSALUTE è coordinata dall’Avv. Giovanni Chiarini, già Ufficiale di Polizia Giudiziaria, Cavaliere al merito della Repubblica Italiana, penalista abilitato al patrocinio davanti alla Corte di Cassazione ed alle altre Giurisdizioni Superiori.

Per visualizzare il curriculum completo dell’Avv. Giovanni Chiarini clicca qui.


Sei un Medico o un Infermiere accusato ingiustamente di malpractice?


Ultimi Approfondimenti

in materia di responsabilità medica e sanitaria

  • Evento sentinella
    Secondo la definizione ministeriale, un evento sentinella è un evento avverso che causa morte o grave danno al paziente e che determina un perdita di fiducia dei cittadini nei confronti del servizio sanitario nazionale. Cosa è esattamente un “evento sentinella”? E quali sono le 16 fattispecie individuate dal Ministero della Salute? Ce lo illustra l’Avv. Merika Carigi.
  • Off label
    Con l’espressione “Off-Label” (letteralmente “Fuori Etichetta”) si definisce l’impiego, nella pratica clinica, di un farmaco secondo modalità o per indicazioni terapeutiche diverse rispetto a quelle approvate nell’autorizzazione all’immissione in commercio. Quali sono i rischi del trattamento off label? Ed entro quali limiti è consentito? Ce lo spiega l’Avv. Lucia Spadoni.
  • Antimicrobico-resistenza
    “Antimicrobico-resistenza” (AMR) è una parola complessa che indica un preoccupante problema di sanità pubblica a livello globale. Questo fenomeno rappresenta un’emergenza silente che, secondo autorevoli stime, minaccia di uccidere dieci milioni di persone all’anno, nel mondo, entro il 2050. Cos’è l’AMR e qual è il suo rilievo in ambito di medical malpractice? Ce ne parla l’Avv. Gabriele Chiarini.
  • Evento avverso
    Quando parliamo di evento avverso facciamo riferimento a un danno non volontario causato da un trattamento o una procedura sanitaria errata, che determina la necessità di un monitoraggio aggiuntivo, altre terapie, prolungamenti di degenza, o addirittura il decesso del paziente. Ma che cos’è, esattamente, un evento avverso in sanità? E cosa non è? Ce lo spiega l’Avv. Lucia Spadoni.
  • Emorragia post partum | cos’è e come va gestita
    L’emorragia post partum è una complicanza molto rara, ma è la principale causa di mortalità materna. Le statistiche dell’O.M.S. ci dicono che il 60% dei decessi materni, nei Paesi in via di sviluppo, è dovuto ad emorragia post-parto, con oltre 100.000 morti all’anno. La diagnosi deve essere precoce e il trattamento da parte del personale medico tempestivo. Approfondiamo cos’è questa insidiosa complicanza e quali sono le sue possibili implicazioni legali.
  • Scheda di morte ISTAT
    Entro 24 ore dall’accertamento del decesso di qualsiasi persona, deve essere fatta la denuncia della causa di morte, su apposito modello predisposto dal Ministero della Salute, d’intesa con l’ISTAT. Si tratta, appunto, della “scheda di morte”, un documento sanitario ufficiale che può essere molto importante anche in ambito di malpractice medica. Ce ne parla l’Avv. Merika Carigi.