RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE

Avvocati Specializzati in Infortunistica Stradale

RISARCIMENTO DANNI PER SINISTRO STRADALE

Se tu o un membro della tua famiglia siete stati coinvolti in un incidente stradale, è chiaro che vi stiate preoccupando di riuscire ad ottenere il risarcimento danni che vi spetta.

Deve essere un risarcimento equo rispetto a quello che è accaduto, e ciò significa che l’importo risarcitorio deve essere il più alto possibile alla luce delle concrete circostanze del caso di specie, che si tratti del cd. “colpo di frusta” o del sinistro mortale.

Non sempre è facile, tuttavia, riuscire a conseguire un risarcimento davvero congruo, anche perché le Compagnie Assicurative – che, come noto, non sono Enti di beneficenza – tendono a liquidare i sinistri stradali con il minimo esborso possibile.

Ecco, allora, l’importanza di rivolgersi ad uno Studio Legale qualificato, che sappia districarsi nei meandri della normativa in tema di “Responsabilità Civile Auto“, e sia in grado di documentare e far risarcire tutte le possibili voci di danno.

I nostri Professionisti conoscono molto bene il settore dell’infortunistica stradale, perché vi operano quotidianamente – e con successo – da più di 20 anni.

Sei vittima di un Danno per Incidente Stradale? Contattaci Subito!

Il risarcimento dei danni negli incidenti stradali

A titolo esemplificativo, ecco alcune delle principali e più frequenti voci di danno da tenere presenti quando si deve far liquidare un risarcimento da sinistro stradale:

  • danni al veicolo;
  • danni da fermo tecnico del mezzo;
  • danno non patrimoniale, nelle sue componenti di:
  • danno fisico;
  • danno biologico;
  • danno morale;
  • danno esistenziale;
  • danno estetico;
  • danno riflesso;
  • danni da perdita di reddito (cd. “lucro cessante”);
  • danni da “perdita di chances“.

Ogni singola voce o categoria di danno deve essere individuata, valorizzata e documentata, altrimenti la Compagnia Assicurativa non procederà alla relativa liquidazione.

Sinistri stradali con indennizzo diretto

Alcuni sinistri stradali ricadono sotto l’operatività della procedura di indennizzo diretto.

Si tratta di un meccanismo disciplinato dagli artt. 149 e 150 cod. ass. private e dalla cd. C.A.R.D., che è la Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto R.C. Auto (stipulata in attuazione del D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254).
In estrema sintesi, questa procedura si applica agli incidenti stradali:

  • che vedono coinvolti solo due veicoli;
  • muniti di targa;
  • immatricolati in Italia;
  • con danni a cose;
  • con eventuali lesioni personali non superiori al 9% di danno biologico permanente.

Poiché questo procedimento è piuttosto complesso, è importante farsi seguire nella liquidazione da un Avvocato esperto in materia di infortunistica stradale.

Solo così potrai evitare il rischio di vederti liquidare dalla tua Assicurazione, come purtroppo spesso accade, un un importo riduttivo rispetto all’effettivo ammontare dei danni.

Con il nostro aiuto potrai ottenere un risarcimento integrale ed esaustivo dei danni sofferti a causa di un sinistro stradale.

Tutto quello che devi sapere in caso di incidente stradale

Se sei rimasto coinvolto in un sinistro stradale, ricordati sempre che:

  1. Ti spetta un risarcimento anche se il veicolo responsabile non era assicurato, o la Compagnia è fallita, oppure si tratta di un veicolo rubato, o ancora non è stato possibile identificarlo; in questi casi, infatti, interviene il Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada;
  2. Pedoni e Ciclisti spesso rimangono vittima di disattenzione o di mancato rispetto da parte degli automobilisti; anche per loro otteniamo l’integrale risarcimento danni;
  3. Il Terzo Trasportato su un veicolo ha sempre diritto di essere risarcito per i danni riportati a seguito di sinistro stradale, anche se non rispettava le norme del Codice della Strada (ad esempio, perché non indossava la cintura di sicurezza).

Abbiamo seguito e concluso con successo molti casi di:

Illustraci il tuo caso di incidente stradale e ottieni una valutazione senza impegno da parte dei nostri Professionisti. Ti indicheremo la strada migliore per non commettere errori e conseguire il massimo risarcimento possibile.

Casi o Approfondimenti

in materia di responsabilità civile e incidenti stradali

  • Assicurazione e Spese processuali
    Le spese processuali di lite sono coperte dall’assicurazione contro i rischi della Responsabilità Civile? E se sì, quali spese, nello specifico, devono essere rifuse all’assicurato? Scopriamolo alla luce della pronuncia di Cass. VI, 31/08/2020, n. 18076.
  • Il danno terminale e il suo risarcimento
    Ormai entrate a far parte del lessico giuridico corrente, le “categorie dogmatiche” del danno terminale, del danno catastrofale e del danno tanatologico sono spesso oggetto di confusione o fraintendimento. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza, descrivendo esattamente cosa si intende con le relative nozioni e specificando se e quando ne sia ammesso il risarcimento.
  • Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada nei sinistri stradali
    Chi venga coinvolto in un sinistro stradale con un veicolo non assicurato e/o non identificato e, a causa dell’incidente, riporti dei danni (fisici e/o materiali), può chiedere il risarcimento al Fondo di Garanzia per le vittime della strada. Scopriamo di più in questo approfondimento.
  • Il danno non patrimoniale da uccisione del congiunto e i sistemi tabellari utili a quantificarlo
    Traendo spunto dalla recente ordinanza di Cass. III, 1 luglio 2020, n. 13269, parliamo dei possibili scenari interpretativi destinati a prevalere in materia di liquidazione del danno non patrimoniale da uccisione di un prossimo congiunto: in particolare, quanto potrà durare il primato attualmente riconosciuto al sistema tabellare milanese?
  • L’infortunio in itinere: “risarcimento danni” e altri diritti del lavoratore
    In questo articolo illustriamo sinteticamente quale sia, alla luce della attuale normativa, la disciplina dell’infortunio in itinere, del “risarcimento danni” (indennizzo INAIL) e delle altre tutele previste per il lavoratore.
  • Pizza bollente sul braccio di una ragazzina: la Cassazione si pronuncia sulla responsabilità del ristoratore
    La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 9997/2020, depositata il 28 maggio 2020, partendo dall’esame del caso di una ragazzina ustionata da una pizza bollente fatta cadere sul suo braccio da una cameriera che serviva ai tavoli, ha ribadito un principio fondamentale in merito alla responsabilità contrattuale del ristoratore. Scopriamo di più in questo approfondimento.