DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA

I servizi di consulenza legale per il lavoro e la previdenza offerti dal Progetto Dedimpresa

Il Vostro lavoro, la nostra priorità

I servizi in materia giuslavoristica, previdenziale e sindacale sono diretti prevalentemente – benché non in via esclusiva – ai datori di lavoro. Lo Studio si occupa della soluzione di controversie in materia di licenziamenti individuali e collettivi, trasferimenti, gestione della malattia del dipendente, contratti a termine, distinzione tra autonomia e subordinazione, provvedimenti disciplinari, danno alla professionalità e danno biologico, impugnazione di verbali di accertamento redatti dagli organi ispettivi.

La consulenza in materia di diritto del lavoro e della previdenza, del resto, non può prescindere dalla gestione del contenzioso giudiziale e stragiudiziale relativo al rapporto con i lavoratori e con gli organi previdenziali.

L’attività dello Studio, peraltro, non si esaurisce nella gestione del contenzioso giudiziale e stragiudiziale, ma si concentra soprattutto sulla prevenzione delle controversie e – più in generale – sulla ricerca delle migliori soluzioni operative in funzione delle esigenze del Cliente.

In tale ottica, si rivelano fondamentali l’analisi della contrattualistica in uso, l’individuazione degli aspetti di criticità e la conseguente prospettazione delle opportune modifiche o integrazioni, oltre alla redazione ex novo di contratti di lavoro (dirigenti, quadri, impiegati, operai, contratti a termine, collaboratori a progetto, collaboratori coordinati e continuativi, sportivi professionisti), di agenzia e di appalto.

Con riferimento ai contratti di agenzia, particolare attenzione è rivolta agli Accordi Economici Collettivi ed all’indennità di risoluzione del rapporto, oggetto di crescente contenzioso.

COSA è la consulenza in materia di lavoro e previdenza

Le prestazioni in materia di diritto del lavoro e della previdenza riguardano principalmente i seguenti ambiti.

Redazione di contratti

  • Redazione di contratti di lavoro per ogni categoria di lavoratori (dirigenti, quadri, impiegati, operai, contratti a termine, collaboratori a progetto, collaboratori coordinati e continuativi, sportivi professionisti);
  • Redazione di clausole particolari, quali patti di non concorrenza, di confidenzialità, di segreto, di stabilità;
  • Redazione di regolamenti aziendali contenenti gli aspetti di disciplina dei rapporti di lavoro;
  • Redazione di codici disciplinari;
  • Redazione di contratti di agenzia;
  • Redazione di contratti di appalto.

Gestione del rapporto e dei procedimenti disciplinari

  • Applicazione di sanzioni disciplinari;
  • Trasferimenti, mutamenti di mansioni e di altre condizioni del contratto di lavoro;
  • Licenziamenti individuali e collettivi;
  • Procedure per la gestione della riservatezza, dell’uso degli strumenti informatici e della posta elettronica.

Diritto sindacale

  • Negoziazione di contratti collettivi aziendali;
  • Interpretazione di contratti collettivi;
  • Partecipazione a negoziazioni sindacali;
  • Assistenza nella elaborazione della stategia negoziale e gestionale;
  • Procedure di consultazione e di informazione;
  • Aspetti di diritto del lavoro e sindacale in relazione ai processi di ristrutturazione.

Trasferimenti di azienda

  • Due diligence sugli aspetti di diritto del lavoro, contratti di agenzia, diritto sindacale e trattamento fiscale e contributivo delle retribuzioni;
  • Pianificazione delle questioni giuslavoristiche in relazione alle operazioni di fusione ed acquisizione;
  • Licenziamenti collettivi, procedure di C.I.G.S. e di mobilità.

Consulenza in materia di lavoro e previdenza: COME si svolge

La varietà delle esigenze prospettabili in materia giuslavoristica rende difficile un’esatta predeterminazione delle attività necessarie a risolverle e del metodo migliore per farlo. E’ comunque possibile delineare in sintesi il modus operandi che i nostri Professionisti sono soliti seguire in caso di attività stragiudiziale o giudiziale.

Le prestazioni di consulenza stragiudiziale (si tratti della redazione di pareri o contratti, della gestione stragiudiziale del contenzioso o di altre attività di consulenza) sono sempre precedute dall’individuazione congiunta tra Professionista e Cliente di un piano di lavoro, contenente l’elencazione dei profili da affrontare e delle problematiche da risolvere, preferibilmente affiancato da un preventivo di spesa che consenta all’impresa di conoscere anticipatamente il costo che dovrà sostenere. Ogni attività viene poi svolta in stretta sinergia con il responsabile delle risorse umane o altro soggetto designato dal Cliente, che viene costantemente ragguagliato nel corso di briefings dedicati all’analisi degli sviluppi della pratica, nonché attraverso la trasmissione di aggiornati reports periodici.

L’assistenza giudiziale postula solitamente – benché non sempre (come, ad es., nel caso in cui si debba agire per accertare l’insussistenza di uno stato di malattia invocato dal lavoratore) – la qualità di convenuto/resistente in capo al Cliente. Ciò consente di maturare adeguata consapevolezza, dopo la lettura dell’atto introduttivo avversario e la valutazione dei documenti ad esso allegati, della natura della lite, del suo presumibile tempo di durata, della prevedibile onerosità dell’istruttoria e delle prospettive di successo. La sottoscrizione della procura ad litem è, pertanto, di regola accompagnata da un accordo sul compenso per tutto il giudizio, nello svolgimento del quale è garantita la costante informazione del Cliente attraverso l’invio periodico di dettagliati aggiornamenti dopo ogni udienza ed al verificarsi di ogni novità processuale.

QUANTO costa la consulenza in materia di lavoro e previdenza

Nell’ottica di consentire all’impresa di programmare adeguatamente la propria attività, ogni prestazione effettuata – tanto in caso di consulenza stragiudiziale quanto in caso di assistenza giudiziale – è generalmente preceduta dall’elaborazione di un preventivo di spesa, sulla base del presumibile impegno che si renderà necessario.

In ogni caso, le tariffe applicate sono quelle determinate con decreto ministeriale in vigore pro tempore. Nella determinazione dei compensi si tiene conto della natura e del valore della controversia, dell’importanza e del numero delle questioni trattate, nonché del grado dell’eventuale autorità giurisdizionale adita. Il principale parametro di riferimento è, ad ogni modo, costituito dal risultato dell’attività e dai vantaggi conseguiti, atteso che la soddisfazione del Cliente è la miglior misura del valore dell’opera professionale (per dirla con Warren Buffett: “Price is what you pay. Value is what you get“).

È altresì prevista la possibilità di stipulare convenzioni per prestazioni continuative adatte alle particolari esigenze di ogni impresa, che garantiscono consistenti risparmi di spesa. I corrispettivi delle prestazioni professionali effettuate per la consulenza in materia di lavoro e previdenza sono, ad ogni modo, deducibili dal reddito dell’impresa in quanto spese attinenti all’esercizio dell’attività.

CHI Vi tutela nella consulenza in materia di lavoro e previdenza

Le prestazioni in materia di diritto del lavoro, sindacale, della previdenza e dell’assistenza sociale, sono rese da Giuslavoristi esperti tanto nel contenzioso stragiudiziale e giudiziale, quanto nella consulenza finalizzata alla prevenzione delle controversie.

Il dipartimento di Lavoro e Previdenza del Progetto DEDIMPRESA è coordinato e diretto dall’Avv. Andrea Sisti, il quale – già associate di studi legali internazionali del calibro di Abbatescianni e Bird&Bird – ha sempre svolto la propria attività esclusivamente in materia giuslavoristica, prestando assistenza a primarie aziende nazionali e multinazionali.

Per visualizzare il curriculum completo dell’Avv. Andrea Sisti clicca qui.


Ultimi Casi o Approfondimenti

in materia di diritto del lavoro e della previdenza

  • Conversione in legge del D.L. Rilancio e novità in materia di diritto del lavoro
    Il 16/07/2020 è stata definitivamente approvata in Senato la legge di conversione, con modificazioni, del D.L. n. 34/2020 (cd. “Decreto Rilancio”). Approfondiamo sinteticamente le novità, introdotte in sede di conversione, in materia di lavoro agile, lavoro a termine e congedi retribuiti del personale dipendente.
  • L’infortunio in itinere: “risarcimento danni” e altri diritti del lavoratore
    In questo articolo illustriamo sinteticamente quale sia, alla luce della attuale normativa, la disciplina dell’infortunio in itinere, del “risarcimento danni” (indennizzo INAIL) e delle altre tutele previste per il lavoratore.
  • Come gestire il lavoro a termine nella fase 2
    Affrontiamo i problemi interpretativi sollevati dalle misure introdotte dal d.l. “Cura Italia” e dal d.l. “Rilancio” in materia di proroga e rinnovo dei contratti di lavoro a termine in scadenza, al fine di preservare l’occupazione e di favorire il rilancio delle imprese in questa fase 2.
  • Morte sul lavoro: risarcimento ai familiari pieno o decurtato?
    Prendendo spunto da una recente pronuncia giudiziale (Cassazione n. 8988 del 15 maggio 2020), cerchiamo di fare chiarezza sulle regole che disciplinano il risarcimento ai familiari in caso di morte del lavoratore per infortunio, con particolare riferimento al rilievo da attribuire all’eventuale concorso di colpa di quest’ultimo.
  • Coronavirus e sicurezza sul lavoro: responsabilità automatica del datore?
    Il contagio da Coronavirus sul lavoro è considerato dall’INAIL infortunio, con conseguente operatività della relativa copertura assicurativa. Ma questo comporta “automaticamente” la responsabilità (civile, penale e/o amministrativa) del datore di lavoro? Scopriamolo in questo approfondimento, prendendo spunto da una recente sentenza della Cassazione Penale.
  • Lo Smart Working
    Analizziamo in questo contributo la disciplina del cd. “lavoro agile”, “smart working” per gli anglofoni, un istituto da tempo presente nel nostro ordinamento, ma tornato al centro dell’attenzione a causa della nota emergenza epidemiologica da COVID-19.