Coronavirus, tutto quello che c’è da sapere sulla quarta autocertificazione

La quarta autocertificazione

Coronavirus, tutto quello che c’è da sapere sulla quarta autocertificazione

L’Italia, ma anche il resto del mondo, sta vivendo una situazione difficile per la diffusione del Covid-19. Gestire un’emergenza sanitaria di questo tipo non è facile, anche se uno dei metodi più efficaci, consigliato dagli scienziati di tutto il pianeta, idoneo a contrastare la diffusione del virus è “restare a casa”. Nel nostro Paese, con una serie di provvedimenti, sono state adottate numerose misure restrittive, tra cui moltissimi limiti alla circolazione, oltre all’obbligo di autocertificare il motivo degli spostamenti. Diversi sono stati gli interventi normativi, dapprima il Decreto Legge 23 febbraio 2020 n. 6, poi due decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri (dei giorni 8 e 9 marzo) ed infine il Decreto Legge 25 marzo 2020 n. 19.

Sulla legittimità di detta normativa d’urgenza per contrastare il Coronavirus, il costituzionalista Sabino Cassese ha manifestato tutte le sue perplessità nell’intervista rilasciata al quotidiano “Il Dubbio”. Con il susseguirsi delle diverse disposizioni anche i modelli di autocertificazione sono mutati, proprio perché dovevano adeguarsi alle nuove misure di contenimento, sempre più stringenti, a causa del dilagare della pandemia.

Con il presente articolo, tralasciando le questioni teoriche e dottrinali, intendiamo approfondire le problematiche relative all’ultima autocertificazione, ovvero quella diretta a giustificare gli spostamenti dei cittadini, alla luce delle più recenti misure contro la diffusione della pandemia adottate con il Decreto Legge 25 marzo 2020, n. 19.


§ 1. Autodichiarazione per gli spostamenti: il quarto modello

Nel nuovo modello di autocertificazione, scaricabile sul sito del Ministero dell’Interno, sono rimaste invariate molte delle informazioni già richieste nella versione del 17 marzo, anche se si aggiunge l’obbligo di meglio specificare lo spostamento, indicando il luogo di partenza e quello d’arrivo.

Affinché lo spostamento sia lecito permangono le esigenze contemplate nei precedenti moduli (comprovate esigenze lavorative, motivi di salute, situazione di necessità, assoluta urgenza per trasferimenti in un comune diverso). Viene indicata anche una lista esemplificativa di casi di necessità che indurrebbero il soggetto ad allontanarsi dal proprio domicilio: il rientro dall’estero, le denunce di reati, gli obblighi di affidamento di minori, l’assistenza a congiunti o a persone con disabilità. Inoltre, vi è l’obbligo di dichiarare di non essere sottoposti a quarantena e di non essere positivo. Poiché l’art. 3 del d.l. 19/2020 ha legittimato le Regioni, in relazione alle specifiche situazioni di gravità del contagio e del relativo rischio sanitario, ad introdurre ancora più gravi misure restrittive, nel nuovo modello è prevista la dichiarazione di essere a conoscenza delle ulteriori limitazioni disposte coi provvedimenti dei Presidenti delle Regioni, sia di partenza che di arrivo, e che lo spostamento rientra nei casi previsti dai suddetti provvedimenti.

§ 2. Le sanzioni e il cambio di rotta del Governo: dal diritto penale al diritto amministrativo

Nel nuovo modello il sottoscrittore deve dichiarare di essere a conoscenza delle sanzioni previste dall’art.  4 del d.l. n. 19 del 25 marzo 2020. L’ assoluta novità sta proprio in questa norma che, con l’irrogazione di sanzioni amministrative, corregge il tiro rispetto alle precedenti disposizioni sanzionatorie, che prevedevano la configurazione di reati contravvenzionali (come quello previsto dall’art. 650 c.p.). Ovviamente resta salva l’applicabilità delle norme punitive dei delitti più gravi, quali quello di epidemia, puniti con gravi pene detentive.

L’ art. 4 del d.l. n. 19 del 25 marzo 2020 dispone che:

Salvo che il fatto costituisca reato, il mancato rispetto  delle misure di contenimento di cui all’articolo 1, comma 2, individuate  e applicate con i provvedimenti  adottati ai sensi dell’articolo 2, comma 1, ovvero dell’articolo 3, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 400 a euro 3.000 e non si applicano le sanzioni contravvenzionali previste dall’articolo 650 del codice penale o da ogni altra disposizione di legge attributiva di poteri per ragioni di sanità, di cui all’articolo 3,comma 3. Se il mancato rispetto delle predette misure avviene mediante l’utilizzo di un veicolo le sanzioni sono aumentate fino a un terzo”.

La sanzione amministrativa di cui alla richiamata disposizione, sarà immediatamente pagabile in misura ridotta, come la maggior parte delle sanzioni previste per la violazione del codice della strada. In caso di mancato pagamento, la sanzione sarà irrogata dal Prefetto, con ordinanza ingiunzione, entro cinque anni dal rapporto degli accertatori della violazione, in quanto dette sanzioni seguono il particolare regime del procedimento sanzionatorio disciplinato dalla legge 689/1981.

§ 3. La falsa autocertificazione

Vediamo ora quali imputazioni possano ragionevolmente emergere in caso di dichiarazioni mendaci. Il modulo del Ministero dell’Interno richiama l’art. 495 del codice penale.

Al riguardo è utile richiamare  il  consolidato orientamento giurisprudenziale in materia di dichiarazioni mendaci (Cass. Pen. Sez. V, Sent. 11/01/2019, n. 4054), per il quale la falsa attestazione del dichiarante che abbia ad oggetto “fatti” dei quali l’atto è destinato a provare la verità, configura il reato di “Falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico”.
Detto reato è previsto dall’art. 483 del codice penale che punisce con la reclusione fino a due anni: “Chiunque attesta falsamente al pubblico ufficiale, in un atto pubblico, fatti dei quali l’atto è destinato a provare la verità”.

Attenzione, però, a non dichiarare il falso riguardo alla professione esercitata che, in una recente pronuncia, la Suprema Corte (cfr. Cass. pen. Sez. V, Sent. 05/03/2019, n. 19695) ha considerato una delle qualità che pure contribuiscono ad identificare le persone. Infatti, il caso di falsa attestazione che riguardi le “qualità personali” del dichiarante configura verosimilmente “Falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri”; il reato (più grave) è quello previsto dall’art. 495 del codice penale che  punisce con la reclusione da uno a sei anni: “Chiunque dichiara o attesta falsamente al pubblico ufficiale l’identità, lo stato o altre qualità della propria o dell’altrui persona”.

Dunque, qualora si violi il divieto di spostamento dichiarando falsamente di essere costretti a circolare per esigenze lavorative in realtà inesistenti, perché detto lavoro o professione non vengono effettivamente svolti,  si potrebbe andare incontro alla pena prevista per il più grave reato di cui all’art. 495 del codice penale, che è peraltro la norma menzionata nel modulo autocertificativo fornito dal Ministero dell’Interno.

Dott.ssa Francesca De Martino
Francesca De Martino
demartino@chiarini.com

Nata il 20/12/1994. Si è laureata in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Perugia nel 2018. Ha frequentato il biennio 2018/2020 dell'Istituto per la Formazione al Giornalismo di Urbino, master di I livello riconosciuto dall'Ordine dei Giornalisti come sede idonea per il praticantato. Ha fatto esperienze di stage in importanti redazioni del panorama nazionale: a Mediaset TgCom24 (settembre 2019 - novembre 2019) e alla Radiotelevisione di Stato sammarinese Rtv San Marino (luglio 2019 - agosto 2019). Attualmente è una giornalista praticante iscritta nel registro praticanti dell'Ordine dei Giornalisti delle Marche.



Hai bisogno di aiuto?

Richiedi una consulenza legale ai professionisti dello Studio Chiarini.
La soddisfazione del Cliente rappresenta l'obiettivo principale di ogni nostra attività.

Rassegna Stampa

SMS, WhatsApp, E-Mail e Onere della Prova nel Processo Civile

Diritto24 del Sole24Ore ospita un articolo dell'Avv. Claudia Chiarini sul rilievo probatorio di sms ed e-mail

Avv. Chiarini per il Giornale: la legge Gelli-Bianco

La sezione "Salute" della testata
"Il Giornale.it" intervista l’Avv. Chiarini:
la riforma della responsabilità sanitaria

Avv. Chiarini per e-Health - G.D.P.R.

La rivista “e-Health News” ha intervistato
l’Avvocato Gabriele Chiarini su G.D.P.R.,
privacy e protezione dei dati sanitari

Avv. Chiarini per Diritto24 Sole24Ore

L'Avv. Chiarini commenta le ultime sentenze della Corte di Cassazione in materia di responsabilità sanitaria

Avv. Gabriele Chiarini - Scegliere il luogo di cura

Come scegliere dove curarsi:
sul settimanale IN Famiglia l'Avv. Chiarini illustra i criteri da tenere presenti

Italia Oggi Sette - Avv. Chiarini

Il danno è un elemento essenziale
della "medical malpractice": l'Avv. Chiarini lo ricorda su Italia Oggi

Repubblica Avv. Chiarini

Insufficienza del personale
infermieristico: l'Avv. Gabriele Chiarini
ne parla su Repubblica

Italpress TG Salute Avv. Chiarini

Carenza di organico ed eventi avversi
in Sanità: intervista all'Avv. Chiarini, esperto di malpractice medica

Avv. Gabriele Chiarini su Panorama

Qualità dei servizi sanitari, errori medici e prevenzione dei rischi in sanità:
ne parliamo con l'Avv. Chiarini

Avv. Gabriele Chiarini su Panorama

L'Avv. Gabriele Chiarini commenta i dati OCSE: in Italia meno della metà degli infermieri rispetto agli altri Paesi

Quotidiano di Sicilia "emergenza medici" - Avv. Gabriele Chiarini

Insufficienza del personale e qualità
dei servizi sanitari: approfondiamo
l'argomento con l'Avv. Gabriele Chiarini

Radio InBlu Emergenza Medici Avv. Gabriele Chiarini

Pomeriggio InBlu intervista
l'Avv. Gabriele Chiarini sul tema
"Emergenza Medici" in Sanità

Residenze Sanitarie Privacy Avv. Spadoni Chiarini

Gli Avv.ti L. Spadoni e G. Chiarini
intervistati come esperti sulle regole
della "nuova" privacy in sanità

Carlino Capolavori Rubati Avv. Giovanni Chiarini

"Furto del Secolo" a Palazzo Ducale:
l'Avv. Giovanni Chiarini tra i protagonisti
del recupero delle opere trafugate

Quotidiano Sicilia Mortalità Servizi Sanitari Avv. Chiarini

L'Avv. Gabriele Chiarini commenta i dati di "amenable mortality" (mortalità riconducibile ai servizi sanitari)

io donna corriere della sera gabriele chiarini privacy sanità

Su Io Donna del Corriere della Sera,
l'Avv. Gabriele Chiarini spiega le nuove
regole della Privacy in Sanità

complicanza malasanità

Avv. Gabriele Chiarini su
Italia Oggi: Quel labile confine
tra complicanza e "malasanità"

privacy parafarmacia

"Questione di Privacy" in Parafarmacia:
parliamone con l'Avv. Lucia Spadoni
e con l'Avv. Gabriele Chiarini

errori sanitari Avv. Chiarini

"Residenze Sanitarie" intervista
l'Avv. Chiarini sugli errori sanitari e sul valore delle statistiche nazionali

Avv. Gabriele Chiarini su Pianeta Salute

L'Avv. Chiarini interviene sullo stato di attuazione del “Garante per il Diritto alla Salute” previsto dalla legge "Gelli"

Avv. Gabriele Chiarini Avv. Andrea Sisti Carlino

Risarcimento di oltre 1.200.000,00 euro
ottenuto dagli Avv.ti Chiarini e Sisti
per un tragico incidente sul lavoro

Sole24Ore Avv. Chiarini

Intervento dell’Avv. Gabriele Chiarini su “Diritto 24” del Sole24Ore in tema di tutela risarcitoria del paziente

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

“Genetica Oggi” su Radio Cusano intervista l’Avv. Gabriele Chiarini su malasanità e diritti del paziente

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

La Rivista "Così" si occupa del nostro report sul costo degli eventi avversi nel Sistema Sanitario Nazionale

Avv. Gabriele Chiarini su Radio Cusano

Interview to Attorney Gabriele Chiarini,
an expert in the field of health liability
and medical-malpractice lawsuits

Image is not available

Omicidio di Sant’Angelo in Vado:
l’Avv. Giovanni Chiarini è il difensore della nuova indagata

Image is not available

Intervista di “Pianeta Salute” all’Avv. Gabriele Chiarini su responsabilità medica e infezioni ospedaliere

Image is not available

Il quotidiano "La Verità" richiama gli approfondimenti dello Studio in tema
di "emergenza malasanità"

Image is not available

Intervista di “Uomo & Manager” all’Avv. Chiarini sugli errori sanitari in Italia e sui costi della malpractice medica

OIPA Magazine - Diritti del malato

Osservatorio Imprese e Pubblica Amministrazione intervista l’Avv. Chiarini sui diritti del malato in Italia

Image is not available

La sezione "Diritto24" del Sole24Ore ospita un contributo dell’Avv. Chiarini sulla legge Gelli-Bianco

Image is not available

Incendio del ristorante "Pesce Azzurro". Unico assolto: l'imputato difeso
dall'Avv. Giovanni Chiarini

Image is not available

L’Avv. Gabriele Chiarini ospite su "Genetica Oggi " di Radio Cusano: il Garante per il Diritto alla Salute

previous arrow
next arrow
Slider