Avvocato Giovanni Chiarini

Senior Partner | Founder

Formazione

Nato il 28 agosto 1946, vanta una trentennale esperienza da Ufficiale di Polizia Giudiziaria nell’Arma dei Carabinieri, nell’àmbito della quale ha rivestito altresì la funzione di Pubblico Ministero su delega del Procuratore della Repubblica.

L’Avv. Giovanni Chiarini si è occupato di importanti investigazioni nel campo della criminalità e di quella dei “colletti bianchi”, partecipando a numerose operazioni di servizio di rilevanza internazionale. Spicca tra queste la complessa e rischiosa indagine relativa al furto di tre opere pittoriche di inestimabile valore artistico e storico (Ritratto di Gentildonna – o “La Muta” – di Raffaello Sanzio, la Flagellazione di Cristo e la Madonna di Senigallia di Piero della Francesca), in considerazione della quale l’Arma gli ha tributato un encomio solenne.

Le tre tavole, trafugate nel febbraio del 1975 dalla Galleria Nazionale delle Marche, furono recuperate nel marzo dell’anno successivo a Locarno (Svizzera) e vennero catturati gli autori del furto, definito dagli organi di stampa internazionali come “il più grande che la Storia ricordi”.

Con decreto del Presidente della Repubblica in data 2 giugno 1991, in considerazione di particolari benemerenze e su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, gli è stata conferita l’onorificenza di “Cavaliere al merito della Repubblica Italiana”.

Laureatosi in diritto processuale penale a pieni voti, esercita la professione di Avvocato iscritto all’albo tenuto dal Consiglio dell’Ordine di Urbino.
È abilitato al patrocinio davanti alla Corte di Cassazione ed alle altre Giurisdizioni Superiori.

Applicazione

Nell’esercizio della professione, l’Avv. Giovanni Chiarini si occupa prevalentemente di diritto penale sostanziale e processuale, con particolare attitudine alla gestione dell’istruttoria dibattimentale.

Ha maturato significativa esperienza nel settore delle indagini difensive, nonché nel campo dei reati contro la pubblica amministrazione, contro la persona e contro il patrimonio.

Ha ottenuto importanti risultati in sede giudiziale nella difesa di Medici ed Infermieri ingiustamente accusati di malpractice.


Diritto Penale

Ultimi casi o approfondimenti

  • Violenza sessuale, Cassazione: “Nel matrimonio non può essere giustificata da ragioni culturali”
    La Cassazione, con la sentenza n. 7590 del 26 febbraio 2020, affronta la problematica relativa alla violenza sessuale nell’ambito del matrimonio, delineandone la configurabilità ogniqualvolta vi sia un costringimento psico-fisico idoneo a incidere sulla libertà della vittima costretta a subire gli atti sessuali, a nulla rilevando l’esistenza di un rapporto coniugale o i retaggi culturali dell’autore del reato.
  • Epidemia dolosa: il caso di Valentino Talluto
    Il reato di epidemia dolosa, praticamente ignorato dai nostri repertori giurisprudenziali, è tristemente tornato al centro dell’attenzione in questa pandemia da nuovo coronavirus. Ma c’è un caso che ha fatto scalpore e che è stato recentemente affrontato dalla Corte di Cassazione, il cui macabro protagonista è un giovane accusato di aver dolosamente infettato da HIV numerose donne, coltivando con loro relazioni sessuali non protette e tacendo il proprio stato di sieropositività. Approfondiamo i dettagli di questa singolare vicenda processuale.
  • Omicidio colposo: uomo cade dal letto e muore, condannata la moglie
    La Cassazione, con la sentenza n. 11536 del 7 aprile 2020, affronta il caso di una giovane moglie di nazionalità rumena che avrebbe dovuto prestare assistenza all’anziano marito e invece ne provocava la morte per negligenza, imperizia e imprudenza disattendendo le tassative indicazioni del personale sanitario.
  • Cannabis, per la Cassazione coltivarla in casa non è reato
    Le Sezioni Unite ritengono che la coltivazione domestica di marijuana non costituisca reato, ma che “per le rudimentali tecniche utilizzate” configuri solo un illecito amministrativo. Analizziamo insieme questa decisione della Suprema Corte.
  • Massaggi e attività degli “operatori del benessere”: il delicato confine con gli atti sanitari e l’esercizio abusivo della professione medica
    Prendendo spunto dalla sentenza della Cassazione penale n. 12539 del 20/04/2020, delineiamo sinteticamente, in questo approfondimento, quali sono gli atti strettamente riservati agli esercenti una professione sanitaria, fornendo alcune indicazioni utili ai ccdd. “operatori del benessere” ed ai massaggiatori per evitare il rischio di un procedimento penale per il reato di cui all’art. 348 c.p. (“Esercizio abusivo di una professione”).
  • Femminicidio, la Cassazione: “Responsabilità degli inquirenti solo se il delitto non era inevitabile”
    Il caso è noto: una donna siciliana, madre di tre figli, sottoposta a continui maltrattamenti da parte del marito, aveva chiesto aiuto alle forze dell’ordine presentando ben dodici denunce. Qualche mese dopo è stata uccisa. La Suprema Corte si confronta con il tema della responsabilità dello Stato per non avere adottato i provvedimenti necessari ad evitare la morte della donna. Analizziamo i dettagli della pronuncia.