Avvocato Claudia Chiarini

Of Counsel

Formazione

Nata il 5 settembre 1974, ha conseguito con il massimo dei voti sia la maturità classica (1993) sia la laurea in giurisprudenza (a.a. 1996/1997).
Dottore di ricerca in diritto civile presso l’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, ha insegnato presso la scuola di specializzazione per le professioni forensi di Urbino e presso la scuola di formazione forense di Rimini.

Nel 2000 ha conseguito l’abilitazione all’insegnamento ed il titolo di “professore in discipline giuridiche ed economiche” nel concorso per esami e titoli per docenti di scuola secondaria. Nello stesso anno ha superato l’esame di abilitazione alla professione forense ed è iscritta dal 2001 all’albo degli avvocati del Fòro di Urbino.

Insieme ad altri Professionisti dello Studio Legale Chiarini, ha avuto incarico dalla Regione Toscana di tenere corsi di formazione agli operatori di tutte le A.S.L. regionali sugli “Aspetti giuridici del sistema di emergenza-urgenza sanitaria”. Membro del comitato di redazione della rivista giuridica quadrimestrale “Le Corti Marchigiane”, l’Avv. Claudia Chiarini ha collaborato altresì con la rivista medico-legale toscana “Codice Rosso”.

Ha scritto una monografia sull’esecuzione in forma specifica degli obblighi di contrarre, nonché contributi in tema di inadempimento da parte del datore di lavoro ad una promessa di assunzione, di consenso informato nell’attività medico-sanitaria, e di responsabilità dell’ente gestore di autostrade. Ha curato le parti relative al matrimonio, alle servitù, alla locazione, al mandato ed all’esecuzione forzata del Codice Civile annotato con la giurisprudenza edito dal Sole 24 Ore, nonché le parti relative alla separazione e al divorzio del Codice delle Leggi Complementari Civili annotato con la giurisprudenza della stessa casa editrice.

È abilitata al patrocinio davanti alla Corte di Cassazione ed alle altre Giurisdizioni Superiori.

Applicazione

Nell’esercizio della professione si occupa prevalentemente di tutela del credito, diritto civile e diritto di famiglia, con speciale riferimento alla crisi del rapporto coniugale.

L’Avv. Claudia Chiarini ha maturato rilevante esperienza nel settore del recupero dei crediti insoluti, in quello delle locazioni ed in tema di responsabilità del genitore per l’inadempimento dei doveri nei confronti della prole.


Diritto di Famiglia e dei Minori

Ultimi casi o approfondimenti

  • La convivenza di fatto
    Una breve guida sulla disciplina dettata per l’istituto, ormai solo relativamente giovane, della convivenza di fatto, alla luce della legge 20 maggio 2016, n. 76 (c.d. Legge Cirinnà).
  • Le unioni civili
    Approfondiamo in questo contributo la disciplina dettata per il nuovo istituto dell’unione civile tra persone dello stesso sesso, alla luce della legge 20 maggio 2016, n. 76 (c.d. Legge Cirinnà).
  • Udienza Civile Telematica: auspici per una Giustizia più efficiente
    Tra gli effetti collaterali, inaspettatamente positivi, della tempesta COVID-19, ci sentiamo di annoverare la possibilità – offerta dal legislatore – di celebrare le udienze civili in videoconferenza da remoto. Dedichiamo allora qualche breve riflessione a questo strumento, mettendo a disposizione di tutti gli interessati anche il verbale di una udienza civile telematica alla quale abbiamo recentemente avuto modo di partecipare.
  • Atto di nascita, Cassazione: no al riconoscimento del figlio di due donne unite civilmente
    Gli attuali progressi scientifici e tecnologici consentono, attraverso l’intervento medico, anche una procreazione non riconducibile all’atto sessuale, per consentire a chi aspira ad avere un figlio di diventare genitore. Ma quando e come questo desiderio possa essere realizzato, tramite l’uso delle tecnologie mediche avanzate, per la Suprema Corte, è “il legislatore a stabilirlo, in quanto interprete e conoscitore degli orientamenti diffusi all’interno del tessuto sociale”.
  • Separarsi in otto giorni con la Negoziazione Assistita: esame di un caso concreto
    Separasi con la Negoziazione Assistita ai tempi del Coronavirus: una opzione da privilegiare quando i coniugi riescono a confrontarsi e pervenire ad un accordo con l’aiuto dei rispettivi legali.
  • Coronavirus, fase 2: i “congiunti” e l’articolo 1 del nuovo DPCM
    L’articolo 1 del DPCM 26 aprile 2020 consente “gli spostamenti per incontrare congiunti”. Una parola comune che sembra di facile comprensione, eppure in questa fase 2 è un termine troppo generico, usato impropriamente in una fonte normativa perché, essendo utilizzato per definire i confini dei limiti alla libertà di circolazione, fa sorgere il dubbio su quali siano i soggetti che possono essere considerati tali e che si potranno legittimamente “incontrare”.