Pseudomonas Aeruginosa

Dettaglio Articolo

Pseudomonas Aeruginosa

Cosa è lo Pseudomonas Aeruginosa

Lo Pseudomonas Aeruginosa è un batteriogeneralmente responsabile di infezioni nosocomiali dovute ad erronee procedure di sterilizzazionead alta capacità invasiva, produttore di sostanze extracellulari tossiche e multiresistente. Anzi, la scarsa sensibilità dello Pseudomonas Aeruginosa al trattamento con antibiotici fa sì che il suo sviluppo venga favorito da qualsiasi trattamento che riduca la concorrenza della restante popolazione microbica.

I microrganismi appartenenti alla specie in discorso sono batteri a forma di bastoncello diritto o leggermente ricurvo. Sono gram negativi, aerobi, catalasi positivi, in grado di produrre ammonio da acetamide, con metabolismo respiratorio ma capaci di utilizzare i nitrati come accettori di elettroni alternativi all’ossigeno.

Lo Pseudomonas Aeruginosa è caratterizzato da elevata capacità di adattamento. È in grado di crescere in acqua distillata e di sopravvivere nei disinfettanti; può aderire a superfici umide o in contatto con liquidi grazie alla produzione, da parte di ceppi mucoidi o non mucoidi, di lipopolisaccaridi e glicoproteine extracellulari.

 

Infezioni da Pseudomonas Aeruginosa in ambienti ospedalieri

Il microrganismo, proprio perché multi-resistente agli antibiotici, rappresenta un serio rischio per la salute in ambienti ospedalieri, ove provoca sovente:

  • infezioni delle vie urinarie,
  • infezioni delle ustioni e delle ferite,
  • ulcere corneali e cheratiti,
  • setticemie,
  • gastroenteriti,
  • ascessi,
  • broncopolmoniti e meningiti.

È un tipico patogeno opportunista e la sua pericolosità è altresì dovuta alla elevata capacità invasiva ed alla produzione di sostanze extracellulari, quali alcune proteasi, tossine emolitiche, enterotossine, ecc.

Lo Pseudomonas Aeruginosa è frequentemente riscontrato in caso di infezioni nosocomiali post-operatorie (specialmente in cardiochirurgia), solitamente a motivo di una falla nelle procedure di asepsi che, in ambiente cardiochirurgico, dovrebbero invece essere estremamente accurate, per la gravità delle complicanze cui possono dar luogo.

 

Responsabilità sanitaria conseguente alle infezioni da Pseudomonas Aeruginosa

Sotto il profilo medico-legale, dunque, una prima e fondamentale fonte di responsabilità addebitabile alla struttura sanitaria è rappresentata da carenze attinenti alle procedure assistenziali, al personale, alle attrezzature, agli ambienti di ricovero.

La reponsabilità dell’ente ospedaliero, poi, è spesso aggravata dall’erroneo approccio terapeutico nei confronti della patologia, che si limita alla somministrazione in varia guisa – sempre e comunque generosamente – di antibiotici del tutto inefficienti nei confronti di un germe multiresistente, particolarmente aggressivo, che mostra un comportamento insidioso poiché può annidarsi in zone non utilmente raggiungibili dagli antibiotici, i quali sortiscono l’unico effetto di indebolire ulteriormente le difese immunitarie del paziente.

L’iter clinico che ne consegue è un deciso peggioramento del quadro clinico, dovuto al danno nefrotossico insito nei farmaci somministrati ed alle complicazioni vascolari che intervengono, determinando una progressione della malattia talvolta inesorabile.

 

Approfondimenti

  1. Pagina di approfondimento sulle Infezioni Ospedaliere
  2. Caso di Infezione ospedaliera da Pseudomonas Aeruginosa affrontato dallo Studio legale Chiarini

 

Studio Legale Chiarini
Studio Legale Chiarini
info@chiarini.com


Hai bisogno di aiuto?

Richiedi una consulenza legale ai professionisti dello Studio Chiarini.
La soddisfazione del Cliente rappresenta l'obiettivo principale di ogni nostra attività.