Avvocato Lucia Spadoni

Senior Associate

Formazione

Nata il 21 aprile 1978, si è laureata in Giurisprudenza con il massimo dei voti nell’a.a. 2002/2003 con tesi di laurea in diritto amministrativo. Terminato il biennio di pratica forense ha superato l’esame di abilitazione alla professione forense ed è iscritta all’Ordine degli Avvocati di Urbino dal 2008.

Nel 2003 l’Avv. Lucia Spadoni ha effettuato uno stage a numero chiuso della durata di sei mesi presso il Tribunale Amministrativo Regionale delle Marche entrando a diretto contatto con la realtà giurisdizionale amministrativa ed affiancando l’attività dei magistrati.

Ha collaborato con riviste specializzate nel comparto sanitario, scrivendo contributi in materia di trattamento dei dati sanitari e di privacy in sanità, e con riviste giuridiche per le quali ha svolto attività di massimazione di sentenze per osservatori sulla giurisprudenza amministrativa.

Nel 2009 ha conseguito la specializzazione in Diritto e Gestione dell’Ambiente e del Territorio, frequentando l’omonimo master di II livello organizzato dall’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo” con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente.

Il quotidiano “Italia Oggi” l’ha annoverata tra le professioniste emergenti nel settore MedMal.

Avv. Lucia Spadoni | Formazione
Avv. Lucia Spadoni | Applicazione

Applicazione

Nell’esercizio della professione, l’Avv. Lucia Spadoni si occupa prevalentemente di diritto civile, diritto sanitario e diritto amministrativo.

Ha maturato rilevante esperienza nel settore della responsabilità medico-sanitaria, distinguendosi nella trattazione di numerosi sinistri, prevalentemente relativi a vicende cliniche con esito infausto.


Diritto Civile e Malpractice Medica

Ultimi Casi di Malsanità risolti

  • Bendaggio gastrico, malasanità e risarcimento danni
    Il caso di malasanità di cui vi parliamo in questo articolo riguarda una giovane donna di 23 anni con obesità grave che, a causa di un intervento di bendaggio gastrico eseguito in modo scorretto, ha avuto una serie di conseguenze sulla salute di cui porta ancora oggi i segni. Anita (nome di fantasia) si è rivolta al nostro studio, e siamo riusciti ad ottenere un risarcimento di 53.000 euro, oltre interessi e spese di lite, per danno biologico differenziale.
  • Malasanità, buone transazioni e cattivi giudizi
    Un risarcimento di 300.000 euro è l’oggetto di un accordo conciliativo raggiunto, con la nostra assistenza, in favore di due congiunti di un paziente deceduto per un caso di malasanità. Si diceva, un tempo, che “una cattiva transazione è meglio di una buona causa”. Oggigiorno, a ben vedere, è forse il caso di dire che una transazione, a certe condizioni, è la cosa migliore che possa capitare a tutte le parti in causa. Scopriamo perché.
  • Coma post-anossico e risarcimento: una storia di malasanità
    Un risarcimento danni, per quanto importante come in questo caso di malasanità (630.000 euro liquidati), non mette fine alla sofferenza, non aggiusta le cose, non fa tornare indietro le lancette dell’orologio. Ne parliamo in questo articolo dedicato alla vicenda di una paziente 66enne, morta dopo un lungo periodo trascorso in coma post-anossico irreversibile. E lo facciamo con la voce di chi ha amato questa donna, e la ama ancora.
  • Genova: “malasanità” e risarcimento danno parentale
    E’ di 560.000 euro l’ammontare del risarcimento, al netto delle spese e degli accessori, liquidato con sentenza della Corte d’Appello di Genova per un nostro caso di malasanità relativo ad omessa diagnosi e monitoraggio di una emorragia post-chirurgica. Il provvedimento si segnala per costituire una delle prime applicazioni, sul territorio nazionale, della tabella romana in luogo di quella milanese ai fini della quantificazione del danno parentale.
  • Infezione da stafilococco in cardiochirurgia, malasanità e risarcimento danni
    Definito con un risarcimento danni di 445.000,00 euro il caso di malasanità relativo a un paziente che aveva contratto una infezione da “stafilococco epidermidis” in occasione di un intervento di cardiochirurgia: i familiari, assistiti dallo Studio Legale Chiarini, sono riusciti a fare chiarezza, dimostrando la sussistenza di responsabilità della struttura sanitaria nel determinismo del decesso.
  • Malasanità: ritardo diagnostico in oncologia e risarcimento
    Gli Avv.ti Chiarini e Spadoni hanno condotto a soluzione – € 92.000,00 il risarcimento erogato dall’assicurazione del sanitario responsabile – il caso di una donna vittima di malasanità: per un colpevole ritardo dignostico in oncologia (tumore della mammella), dovuto alla erronea refertazione di esame mammografico, la paziente aveva sofferto un danno permanente ed una lieve perdita di chances di guarigione.