Avvocato Andrea Sisti

Of Counsel

Formazione

Nato a Treia (MC) il 24 dicembre 1977, si è laureato in giurisprudenza nel 2001 con il massimo dei voti presso l’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”.

Sin dalla pratica professionale, l’Avv. Andrea Sisti si è sempre occupato esclusivamente di Diritto del Lavoro. Dal 2002 ha svolto la propria attività a Milano, collaborando con lo studio legale Abbatescianni e Associati e, dal 2003, con lo studio legale Bird&Bird, affiancando giuslavoristi di rilievo in campo nazionale ed internazionale.

Durante tale esperienza gli è stata affidata l’assistenza di primarie aziende nazionali e multinazionali e si è occupato sia della consulenza stragiudiziale, sia del contenzioso giudiziale, assistendo i propri Clienti dinanzi ai Giudici del Lavoro di numerose città italiane.

Alla fine del 2007, ha fatto ritorno nella provincia di Pesaro e Urbino, di cui è originario, decidendo di mettere la propria esperienza al servizio del suo territorio.

Applicazione

Nella sua esperienza professionale si occupa esclusivamente di diritto del lavoro e previdenziale, svolgendo la propria attività in collaborazione con lo Studio Legale Chiarini e presso lo studio legale di cui è titolare in Pesaro.

L’Avv. Andrea Sisti ha maturato rilevante esperienza nella gestione del contenzioso lavoristico giudiziale e stragiudiziale, nella redazione di contratti di lavoro (dirigenti, contratti a termine, collaboratori a progetto, collaboratori coordinati e continuativi, sportivi professionisti, agenti) e di contratti di appalto.

Con riferimento ai contratti di agenzia, ha dedicato particolare attenzione agli Accordi Economici Collettivi ed all’indennità di risoluzione del rapporto.


Diritto del Lavoro e della Previdenza

Ultimi casi o approfondimenti

  • Operatori sanitari & rifiuto del vaccino
    L’ordinanza emanata il 19/03/2021 dal Tribunale di Belluno costituisce la prima pronuncia giudiziale in tema di conseguenze del rifiuto di vaccinarsi da parte del personale dipendente, in specie di quello sanitario. Ma qual è il punto di equilibrio tra l’obbligo del datore di lavoro di proteggere la salute dei propri dipendenti e i limiti costituzionali all’obbligatorietà del vaccino? Ne parliamo in questo articolo.
  • Il divieto di licenziamento “Covid” opera anche per i dirigenti
    Il divieto di licenziamento “Covid-19” si applica anche ai dirigenti? Una prima risposta – in senso affermativo – è stata fornita dal Tribunale di Roma che, con ordinanza del 26/02/2021, ha accolto il ricorso presentato da un dirigente, che era stato licenziato a luglio 2020, per soppressione della sua posizione lavorativa e, dunque, per ragioni oggettive di carattere economico e/o organizzativo.
  • Infortunio sul lavoro e “risarcimento” (recte indennizzo) INAIL
    L’ordinamento italiano stabilisce che i lavoratori dipendenti, parasubordinati ed alcune tipologie di lavoratori autonomi (es. artigiani e coltivatori diretti) debbano essere assicurati dal rischio di possibili infortuni sul lavoro. Esaminiamo sinteticamente, in questo articolo, la disciplina normativa in materia, con particolare riferimento alla tutela offerta dall’INAIL in occasione di un infortunio sul lavoro.
  • Covid-19 e diritti dei dipendenti genitori (aggiornato al decreto ristori bis)
    L’aumento dei contagi per Covid-19 e la riapertura delle scuole pongono nuovi problemi per i lavoratori dipendenti genitori, con particolare riferimento all’ipotesi di assenza forzata dei figli da scuola, per provvedimento dell’autorità sanitaria che li abbia posti in quarantena a seguito della rilevazione di un caso di positività all’interno della classe di appartenenza. Ecco quali sono i diritti che spettano ai lavoratori dipendenti genitori per vicende correlate al nuovo coronavirus.
  • La riduzione della retribuzione
    L’emergenza sanitaria in atto e la conseguente crisi economica potrebbero far sorgere la tentazione di addivenire, magari d’accordo tra le parti, ad una riduzione della retribuzione del personale dipendente, in special modo nella sua componente variabile (provvigionale o legata al raggiungimento di obiettivi). Scopriamo in questo approfondimento se ed in quali limiti sia possibile farlo.
  • Mancata rotazione in CIG e demansionamento
    Il dipendente che sia stato sospeso in CIG, senza adeguata rotazione coi colleghi, ha diritto sia al risarcimento dei danni corrispondenti alla retribuzione persa, sia al risarcimento degli ulteriori danni da demansionamento, trattandosi di due piani di tutela distinti (Cass. n. 20466 del 28/9/2020).