Come si svolge il recupero dei crediti

Progetto Dedimpresa

COME si svolge il recupero dei crediti

L’azione di recupero mira, beninteso, ad ottenere il massimo vantaggio per il Cliente, recuperando il credito nella sua interezza, oltre alle spese legali ed agli interessi di mora. A tal proposito, va ricordato che, in tema di transazioni commerciali intercorse tra imprese ovvero tra imprese e pubbliche amministrazioni, il debitore deve corrispondere al creditore un tasso di interesse particolarmente elevato (corrispondente al saggio del principale strumento di rifinanziamento della BCE maggiorato di otto punti percentuali) e deve rimborsare i costi sostenuti per il recupero delle somme non tempestivamente corrisposte, salva la prova del maggior danno.

La procedura ordinaria di recupero del credito contempla una diffida formale scritta, cui segue in caso di mancato rispetto del termine assegnato al debitore (generalmente di 15 giorni) il ricorso per decreto ingiuntivo sulla base della documentazione contabile del creditore. Decorsi 40 giorni dalla notifica, in mancanza di opposizione, il decreto passa in giudicato e diviene esecutivo, costituendo valido titolo per iniziare l’esecuzione forzata, che viene preannunciata dall’atto di precetto e si promuove con il pignoramento.

La varietà dei casi prospettabili non consente, ad ogni modo, una aprioristica determinazione delle attività necessarie al recupero, le quali possono diversificarsi dalla procedura ordinaria, specie allorquando il credito sia oggetto di contestazione oppure il debitore sia soggetto a procedure concorsuali. Talvolta può verificarsi, inoltre, una semplificazione delle prestazioni; laddove, ad esempio, il creditore sia in possesso di titoli di credito insoluti emessi dal debitore, essi potranno fondare una esecuzione immediata, senza necessità di chiedere l’emissione del decreto ingiuntivo.

Al fine di sfruttare ogni potenzialità di recupero del credito, soprattutto se di entità non esigua, la fase di esecuzione può essere preceduta – su intesa col Cliente – dalla consultazione di banche dati pubbliche e private e, se necessario, dall’affidamento di incarico ad agenzie investigative di fiducia, al fine di reperire informazioni utili, quali l’effettivo indirizzo del debitore, l’attività lavorativa ed il reddito, l’esistenza di rapporti di credito con istituti bancari od altri soggetti, la localizzazione di autoveicoli o immobili aggredibili, ecc.

Ogni attività viene svolta in stretta sinergia con l’eventuale credit manager interno all’azienda del Cliente, che viene costantemente ragguagliato nel corso di briefings dedicati all’analisi degli sviluppi della complessiva situazione creditoria ed attraverso la trasmissione di aggiornati reports periodici.

Particolarmente utile ed innovativa è la possibilità per i Clienti di ottenere in tempo reale gli aggiornamenti sulla propria situazione creditoria. Lo Studio Legale Chiarini ha, infatti, elaborato un software che informa automaticamente il Cliente di ogni attività di recupero compiuta e consente ai Clienti, mediante l’utilizzo di chiavi d’accesso riservate, di consultare in qualunque momento on-line il proprio archivio.

Il servizio è fruibile dall’ Area Clienti di questo portale, previo rilascio di user-ID e password. Per visionare una versione dimostrativa del programma o per avere maggiori informazioni, non esitate ad utilizzare gli indirizzi presenti alla voce Contatti.

In Primo Piano

Ultimi casi risolti dallo Studio